La mia azione è l’azione di nessuno

#functionalbodyart#functionalbodyart#functionalbodyart##functionalbodyart#

“Perchè pensare il movimento non è diventare movimento.”

(The company, R. Altman)

Ho pensato molto più spesso a quello che non é che a quello che é la mia arte. la mia arte in assoluto non é:

CONCETTUALE.

Nella mia città, nel web, in Italia, nei paesi occidentali e spero non in qualche altro angolo sperduto sulla terra… Prolificano artisti conceptual – concept – conc’é (!)

Io no. piuttosto rein(vento) me stessa.

Questo proliferare di conceptuals mi ha fatto seriamente riflettere sull’intenzione (prima) e la funzione (poi) che stanno dietro al mio fare artistico ma anche più in generale, al concepimento di ogni atto quotidiano.
Creare, per me, è un meccanismo utile e funzionale declinabile a moltissimi aspetti della vita umana, un bisogno istintivo di ricerca e scoperta dell’irrazionale che ci circonda e che ci compenetra nella più assoluta e dissoluta anarchia d’intenti, senza la pretesa di farsi speculazione, ergo pensiero.

Preferisco definirmi una body functional artist o human functional artist e dedicarmi allo studio del funzionamento umano – dell’essere umano nel significato biologico del termine – e delle sue funzioni vitali riferite al presente; essere presente a me stessa e presente al tempo attraverso l’azione del corpo, concentrata sulle sue sensazioni, svincolata dal pensiero e dalla sua azione disgregante.

A tal proposito mi é piaciuta molto la schematizzazione della differenza tra
mente funzionale e mente concettuale che riporto di seguito:

– mente concettuale: abitudine al giudizio e al controllo, dialogo interno.

– mente funzionale: silenzio interiore, stato di flusso, stato di coerenza cardiaco, stato animico, stato d’amore, stato ludico, azione automatica, assenza di sforzo, presenza mentale, qui ed ora, coinvolgimento totale.

(La coscienza parla, Ramesh S. Balseker)

imageCalligrafie di uno sguardo, 2017

                 Gestural ghosts, 2016

 

imageGestural ghosts, 2016

 

Vorrei che la mia arte fosse suppellettile da arredamento.

Pura forma.

Semplice esistenza.

Creare come Necessità di vita.

Nutrimento dello spirito.

Appagamento per il corpo.

Visione amplificata.

Funzione vitale

Narrazione.

Incidente

Scintilla

Incendio

Esplosione

*

5th International Video Poetry Festival 2016 Athens | Greece

Il mio Video “Corpus Prophetias” selezionato alla quinta edizione del festival di video poesia che si svolgerá ad Atene dal 10 al 12 dicembre 2016.

 

5th International Video Poetry Festival 2016, Theatre EMBROS | Athens | Greece.
55 VIDEO ARTISTS & POETS FROM 21 COUNTRIES
6 HOURS SHOW
Dal 10 dicembre alle 20:00 al 12 dicembre alle 2:00 UTC+02
Θεατρο Εμπρος
RIGA PALAMIDOU 3, 105 54 Atene
organised by +the Institue [for Experimental Arts]
and by Void Network

Void Network

 

International Video Poetry Festival 2016