Mists: Mist_Ero

image

“Nebbie, un non tempo un non luogo” è il titolo metaforico del progetto, ed il filo conduttore di un lavoro che sto sviluppando attraverso tecniche e linguaggi diversi; un percorso visivo costituito da input visivi – narrativi che si fondono e sono restituiti attraverso fotografie, poesie, video installazioni. Un “itinerario della Percezione”, tra fenomenologia e poesia della visione, che esplora spazi fisici e mentali attraverso le suggestioni di autori che ci hanno parlato della nebbia ma anche un percorso personale, del percepir-si e dell’essere percepiti.”

essence

Mists © Gelidelune Project_2014

In questa serie di lavori la nebbia è volutamente rappresentata attraverso una patina pulviscolare che antichizza l’immagine attraverso l’uso delle texture. E’ una nebbia che si deposita sui corpi nudi e li avvolge – ne smaterializza i contorni indefiniti e ne ridefinisce i movimenti – intimi e segreti – è espressione del trascorrere del tempo e della sua azione.
La nebbia è simbolo di cecità, l’ impossibilità di estender-si oltre i confini della cortina che innalza innanzi all’uomo il tempo; possiamo osservare ed osservarci solo al di qua con gli occhi del presente.

image

Mists © Gelidelune Project_2014

Un corpo che non si palesa se non attraverso uno sguardo esterno: la capacità di “vedere” oltre…Il corpo celato (il corpo mistico), arrivando “all’ origine” del suo mistero (Ero) e all’essenza delle sue trasforma_ azioni (azioni di cambiamento).

http://julietartmagazine.com/it/mists-francesca-bonfatti/

4 comments

  1. marinaraccanelli · novembre 11, 2015

    ho scoperto le tue foto mesi fa, e mi hanno subito affascinato per il loro impatto simbolico e misterioso: immagini che sembrano irraggiare una molteplicità di suggestioni e significati – ognuno può aggiungere i suoi, stimolato nel proprio inconscio…fra tutte quelle che ho visto finora, queste sono le mie preferite in assoluto

    Piace a 1 persona

    • francescabonfatti · novembre 18, 2015

      Marina è proprio il tipo di stimolo e di coinvolgimento che vorrei suscitare in chi vi si accosta…io ringrazio te per la tua sensibilità e per aver scelto quella immagine per sabbia.. non potevano esserci versi migliori per descrivere la fragilità, la solitudine e il mistero. È’ stato un vero onore per me entrare nel mio piccolo a farne parte. 🙂

      Piace a 1 persona

  2. marinaraccanelli · novembre 19, 2015

    Grazie, Francesca , io mi sento piccola in confronto a te!

    Piace a 1 persona

    • francescabonfatti · novembre 22, 2015

      Marina ti ringrazio di cuore la stima è reciproca, porto con me il tuo prezioso incoraggiamento..

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...