Nasco (sta) tra parola e immagine 

Alla ricerca di un punto di equilibrio di un precario baricentro spingo l’ incessante ricerca delle mie possibili trasformazioni. Mutazioni che non smettono di dialogare con i miei silenzi. Monologhi interiori tra la me e le altre sue parti.

“Le me” lasciate, dimenticate, ricordate, soffocate. Le me (morie). 

 

image

Lacerate acque
Voci che mi chiamano
Le senti le grida gracide ?
Gratitudini ?

Metto la biacca una passata o due uniforma la superficie
Tutto già scritto tutto da riscrivere
Ogni domanda.
Era planare l’utero?
C’erano doglie alla soglia del paradiso?

© Gelidelune 2015

 

 

image

Amara mi svegliavo ogni mattina.
Mi assaggiavo controvoglia.
Il sapore della giornata lo pregustavo dall’alba
era il vizio delle cose che non puoi condividere o spacciare.
Nessuno le vuole provare.

© Gelidelune 2015

 

 

image

Deve proprio passare sopra il mio cadavere

e fermarsi qui a far esercizi di autopsia?
Sarà breve. Conterò. Al mio tre spingi.

Ero ugualmente assopita trascinavo gesti lenti pesanti parole nuotavano contro corrente per riscendere giù per l’esofago.

Tre non può bastare devono passarci due mani e due piedi!

La compagnia di un disprassico sarebbe stata di gran lunga auspicabile e più fruttuosa di questa leziosa lezione di economia domestica.

© Gelidelune 2015

 

 

 

2 comments

  1. Firstime In Boston · febbraio 13, 2016

    Questo credo sia il reportage che ho apprezzato maggiormente.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...