FINANCIAL CONSEQUENCES: INTERNATIONAL POETRY FESTIVAL

Financial Consequences
International Multimedia Poetry Festival
Saturday 9 February 2019
STARTS 16:00 ends 23:00
FREE entrance / doors open at 15.45
organized by
+the Institute [for Experimental Arts] – Athens, Greece
supported by
London School of Economics and Political Science, Department of Anthropology
location of the festival:
LSE Saw Swee Hock Centre
1 Sheffield Street
London WC2A 2APFinancial Consequences
International Multimedia Poetry Festival
Saturday 9 February 2019
STARTS 16:00 ends 23:00
FREE entrance / doors open at 15.45
organized by
+the Institute [for Experimental Arts] – Athens, Greece
supported by
London School of Economics and Political Science, Department of Anthropology
location of the festival:
LSE Saw Swee Hock Centre
1 Sheffield Street
London WC2A 2AP

“Financial Consequences – International MultiMedia Poetry Festival” challenges the perceptions of the economic crises and providing a new point of view via a wide variety of mediums. For the last 10 years, we see entrepreneurs, economists, bankers, technocrats and politicians to dominate the public opinion- now is the time for poets to explain to all of them the social impact of their decisions and their politics. The social awareness and sensitivity of poets – in collaboration with video artists and musicians- invited from countries crushed by the economic crises offer us the best possible view to invisible sites of social life, offer us the opportunity to understand and realize the Financial Consequences of economic crises in the everyday life of all of us and especially of people in suffer.
The Institute for Experimental Arts was founded in 2008 in Athens- Greece as a non-profit platform of creative expression and research in the fields of theater, performance art, digital media, installation, poetry and art theory. The Institute is committed to exist as an open meeting point for poets-writers, directors, actors, theater engineers/ technicians, performance artists, photographers, video artists and the writers who develop new analytical tools on contemporary art, media & communication

Saturday 9 February 2019 at 16:00
Part A: Introductory Lectures – Duration 30 minutes
Lecture by the world-known professor of Anthropology David Graeber (London School of Economics) “How social and economic structure influences the Art World”
Influential anthropologist David Graeber, known for his 2011 volume Debt: The First 5000 Years speaks about the correlation between the cultural sphere and society. The intellectuals and the artists create an imaginary way to criticize the economic system in any era. Art can overcome hegemonic frameworks and acknowledge other possible worlds, offer us the opportunity to understand better the marginalized social entities. Social exclusion is the process in which individuals or people are systematically blocked from (or denied full access to) various rights, opportunities and resources that are normally available to members of a different group, and which are fundamental to social integration and observance of human rights within that particular group (e.g., housing, employment, healthcare, civic engagement, democratic participation, and due process). As the economic crises go deeper in time more people face the effects of exclusion. Art and social sciences can give voice to the voiceless. Especially young social aware poets can give us a clear view of the real social effect of the financial consequences.
“Poetry and Revolt- Political Art in the 21st Century” Lecture by Tasos Sagris- theatre director, poet, activist. Art director of the Financial Consequences festival
Tasos Sagris, known in the English speaking audience as co-editor of the book ” We are an Image from the Future- The Greek Revolt of Dec.2008″ introduce us in a new way of understanding the political art in 21st century.
Part B:
Video Poetry Zone
(duration 2 hours – starts at 16.30)
A compilation with the outstanding video poems from the last 7 years of International Video Poetry Festival will be screened. A unique compilation including cinematic visual art based on poetry by artists from all over the world (America, Asia, Europe, Africa, Oceania). The programme will include the most social aware video poems among hundreds videos from the International Video Poetry archive.
The International VideohPoetry Festival is an annual festival held by the Institute for Experimental Arts in Athens, Greece over the last of years as a non-profit, free entrance event. Approximately 1200 people attend the festival every year. The International Video Poetry Festival attempts to create an open public space for the creative expression of all tendencies and streams of contemporary visual poetry. Multimedia poetry nights and video poetry shows can bring new audiences in contact with visual art and contemporary poetry, to open new creative dimensions.

UK: Maciej Piatek. Helen Dewbery. Adrian Carter UK/ISRAEL: Yael Ozsinay. Nir Philosof. Maayan Moreno Erlich. Shimi Asresay. Noa Evron. Inbal Ochyon. Valery Yuzefovic. Dekel Oved. Sivan Kotek. Dan Berger. Inbal Breda. Adva Rodan. Tal Rachmin. Talia Randall FRANCE: Eric Sarner AUSTRALIA: Maria Craven. Radheya Jegatheva. Jason Lam USA: Dave Bonta. Hieu Gray. Liza Seidenberg. Jonathan Reyes. R. A. Villanueva RUSSIA: Inga Shepeleva GERMANY: Von Kuesti Fraun. Julian Weinert SPAIN: Igor Luna PORTUGAL: Manuel Vilarinho CANADA: James Pomeroy ITALY: Francesca Bonfatti BOSNIA HERZEGOVINA: Amina Avdic ISLE OF MAN: Janet Lees TURKEY/UKRAINE: Lokal Anestezi IRAN/UK: Roxana Vilk COLOMBIA: Catalina Giraldo Velez UK/ZAMBIA: Fiona Melville

MORE INFO: find bios, videos, photos, info about the participants and general programme of VIDEO POETRY Zone HERE:
https://theinstitute.info/?p=3502

Part C Financial Consequences
Multimedia LIVE Performances

Duration 4 1/2 hours – starts at 18.30

Poets, musicians and visual artists create a vibrant atmosphere with multimedia poetry readings and live poetry performances. Spoken Poetry has been growing over the last years. A collection of contemporary poets from countries faced to financial crisis begin to build up an important social role in our times. Poetry communities preserve the possibility of mutual understanding by reading and performing it.
Poetry responses to economical crisis, social exclusion and conflict, the challenges society faces. Poetry has a special role under difficult financial and political conditions. As Wallace Stevens believed: “Poets help the political beings to live their lives, not by telling them what to think. They do so by creating spaces where one individual imagination can activate another and those imaginations can be together. Poems are imaginative structures built out of words, one that any reader or listener can enter. Live Poetry Performances are places of freedom, enlivenment, and true communion.”

Poetry Performances Live Concerts

SISSY DOUTSIOU – GREECE
LUNA MONTENEGRO + ADRIAN FISHER – CHILE / UK
TASOS SAGRIS + WHODOES – GREECE
LUCIA SELLARS – BOLIVIA
ULLI FREER – UK
POPPY DELTA – GREECE
NEFELI VOUTSINA PETSIMERI – GREECE
JUSTIN KATKO – USA
LARRY COOL – GREECE

GIZEM OKULU – TURKEY
ROBERT KIELY – IRELAND
The Poetry of Arab Spring

ELIZABETH TAPINI reads poems from a series of revolutionary, social uprisings that enveloped after 2010 in several Arab countries, including Tunisia, Morocco, Syria, Libya, Egypt and Bahrain.
______________________________________
Financial Consequences
International Multimedia Poetry Festival
Saturday 9 February 2019
STARTS 16:00 ends 23:00
FREE entrance / doors open at 15.45
organized by
+the Institute [for Experimental Arts]- Athens Greece
supported by
London School of Economics and Political Science Department of Anthropology
location of the festival:
LSE Saw Swee Hock Centre
1 Sheffield Street
London WC2A 2AP

Photos/Bios/Info: https://theinstitute.info/?p=3558

Annunci

MODERN PANIC IX [2018]

.facebook_1539942869786
Resterà aperta fino a domenica 25 novembre, la mostra a Londra Modern Panic
all’ Archive Gallery The Rose Lipman Building, dove verrà proiettato
il mio Video Scratch in due atti.   Non perdete l’ evento.. .da Panico!
Di seguito: i link  sull’evento. il sito dove sono presentati gli artisti e le opere partecipanti.
Concept
The Modern Panic exhibitions are inspired by the work of the original Panic Movement, which was comprised of artists Alejandro Jodorowsky, Fernando Arrabal and Roland Topor, who created provocative live arts events in France during 1960s. The works intended aim was to slice through the bourgeois art world with the aim to be a catalyst towards liberation of thought within the viewer.  Modern Panic follows in the footsteps of this movement and exhibits the new wave of panic artists.

Modern Panic, an annual exhibition of surreal, controversial and provocative art curated by Guerilla Zoo founder James Elphick, is reincarnated in 2018 for Modern Panic IX. Bringing together over 70 visual artists and live art practitioners offering a commentary on our chaotic contemporary world and the darker reaches of human nature with works that shock, disturb and confront.

Featuring

​Nikoo Bafti | Anthony Bennett | Aiyla Beau
Baharak | Simon Brewster | Liz Buckfield
Sherlaine Callender | Chris Campbell | Jixuan Chen
Gemma Costin | Dr D aka Subvertiser
dEmAnD tHe ImPoSsIbLe | Divine Chaos Art
Jeromie L. Dorrance | Drakula Approved | DT500mag
DYSPLA | Ella Guru | Gelidelune | Mia-Jane Harris
​Luke Francis Haseler | Ben Hopper | Evelyn Jean
Julie Light | Qixuan Lim | Jimmy Kim | Rebecca Mason
Seamus Moran | Liam Brandon Murray
Muazma Mushtaq | Dominic Negus | Neo Fung
Brendan O’Neill | Francesco Orazzini | Clara Payas
Pei Ling Ho | Gianluca Pisano | Patrick Rowan
Elina Rudzite & Black Storm Films
Lara and Costanza Savarese | Marc Savior
John Sharp | ​Jas Singh | Matthew Stradling
Greg Wilcox | Mira Yankova | Vort Man

 

Live Art :

Linda Anne, Jasmine Dhingra and Courtney Laine
Black Arrows | Beatrix Carlotta
Philip Bedwell | Snake Fervor and Ian the Bloody Poet
Miss Hernia | Victoria Karlsson
Aepril Schaile | Austin Sherlaw-Johnson
Syban | Benjamin Turc
Jylle Navarro & Neon Naked Life Drawing | Natalie Wearden

OPEN TO PUBLIC
SAT 17TH – SUN 25TH NOVEMBER 2018
11am – 7pm
Archive Gallery, The Rose Lipman Building
43 De Beauvoir Road, London N1 5SQ

WOMAN BODY SELFIE EXPERIENCE

23130461_10212338465111487_5663568323187871100_n

 

Scratch_II, il mio progetto Video / fotografico  in anteprima on line al WAC

(Web Art Center) nel contesto del Fonlad Festival, nell’esposizione virtuale

“The Woman Body Selfie Experience”, a cura di Jose Vieira.

dal 3 Novembre al 31 Dicembre 2017.

In the context of FONLAD FESTIVAL it will be presented @ the Web Art Center “The Woman Body Selfie Experiment”, a virtual exhibition curated by José Vieira with curatorial text by Rrose Present.

Participating artists: Eija Temisevä, Fenia Kotsopoulou, Francesca Bonfatti, Francesca Svampa, Geneviéve Marsh, Livia Chiovato, Isabel Pérez Del Pulgar, Rrose Present.

November 3 – December 31 2017 WAC – Web Art Center, Fonlad

 logohttp://www.webartcenter.org/

 

 

PHOTOGRAPHIC PROJECT ON FEMALE NAKED

My Nude Female Vision begins with a need: Searching for sensations and perceptions of self through the appropriation of one’s own body.
In my shots the nakedness appears contracted and implosed, turned and returned to an interior; it is not an expansion of a body that is displayed, but a revelation of a being and of what it hides. Of a mystical body, which encloses a clot of mystery. Self-portraying postponement of a fracture …
Indeed, today, more than ever, in a society that has dissected and subdivided the material dimension from the spiritual one, nudity has become an expression of a taxed and inculcated identity through devious patterns in which women are not recognized and increasingly refuse .
An “expropriated” identity, driven by the fullness of its integrity, of its role in the natural order of things.
So in my shots the search is just that of an original, untouched original – almost biblical – still in tension between purity and corruption.

bonfatti2             PHOTOGRAPHIC PROJECT ON FEMALE NAKED

 

 

 

Scratch_II

23376260_1758190984191445_2467475382974177247_n

Il sé allo specchio. Autoritratti fotografici

Ieri – 29 settembre – si è conclusa la mostra dedicata all’autoritratto contemporaneo a cura di Giorgio Bonomi, allestita nella Galleria romana “Studio Arte Fuori Centro”.

Rimembrando coralmente un luminoso e spensierato pomeriggio…abbiamo raccolto e messo insieme in questa galleria virtuale, gli scatti e (autoscatti!) dei partecipanti e, nella nota che segue, la presentazione degli artisti e delle opere da parte del curatore e critico Giorgio Bonomi.

Grazie alla gentile accoglienza e disponibilità della Gallerista Teresa Pollidori.

Un doppio grazie a Giorgio Bonomi, per averci invitato a prendere parte a questa  interessante esplorazione attraverso i nostri lavori, presentati anche all’interno del suo II volume  “Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea”, Editore Rubbettino,  2017.

Un ringraziamento speciale va all’artista Patrizia Lo Conte, per la documentazione dell’evento e la gentile concessione 😊 e a tutti i fotografi presenti (tra i quali mi risulta difficile attribuire la paternità degli scatti).

 

Buona visione! 👁

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

IL SÉ ALLO SPECCHIO. AUTORITRATTI FOTOGRAFICI

di Giorgio Bonomi

La mostra prende corpo dalla mia decennale ricerca sugli artisti/fotografi che usano l’autoscatto, sintetizzata nei due volumi Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea, Editore Rubbettino, 2012 e 2017: in questa esposizione ho  riunito un piccolo gruppo di opere di artisti presenti nel secondo volume sopracitato.

Il fondamento dell’autoscatto risiede, solitamente, nel bisogno di identità da parte del soggetto/oggetto dell’operazione: l’autoidentificazione avviene, nell’autoscatto, in vari modi, con il travestimento, con la messa in scena, con la messa a nudo, con la denuncia e la protesta, con la volontà di narrare, con il nascondersi e con il presentarsi solo con una parte – perfino minima – del proprio corpo (del proprio sé).

Caratteristica dell’autoscatto è, inoltre, la solitudine, dato che, se non in casi eccezionali, l’autore si trova da solo davanti alla macchina fotografica.

Ogni artista sceglie la tecnica più appropriata e la collocazione di sé negli spazi per lui più significativi per comunicare il proprio messaggio. Abbiamo lavori eseguiti con tecniche “tradizionali” oppure “sperimentali”, il bianco e il nero e il colore, sempre con una finalità: la volontà di dire di sé.

Tutti i presenti sono “artisti” (non interessano in questa sede i selfie che appartengono più alla sociologia che all’estetica): alcuni di grande fama altri emergenti, alcuni giovani altri meno. Inoltre, questi artisti, nonostante non siano numerosi, danno una sufficiente testimonianza delle varie tipologie dell’autoscatto.

Gli artisti presenti sono: Tommaso Binga, Francesca Bonfatti, Silvia De Gennaro, Iginio de Luca, Ilaria Facci, Francesca Gabrielli, Benedetta Galli, Elisa Gestri, Patrizia Lo Conte, Rita Mandolini, Rita Mele, Cinzia Naticchioni Rojas, Laura Peres, Filippo Riniolo, Massimo Rossetti, Malgorzata Stanislawa Szymko.

Sebbene, come già accennato, la ricerca della propria identità, della definizione del proprio essere sia la caratteristica generale dell’autoscatto, in certi artisti questa è più marcata: così Iginio de Luca (Formia, 1966) sovrappone la sua faccia a quella del padre e della madre, “rafforzando” in tal modo la definizione di sé con chi gli ha dato la vita; Cinzia Naticchioni Rojas (Roma, 1977) si raffigura con un’inquietante rappresentazione di lei con gli occhi chiusi ed aperti, quasi a segnare una duplicità; Laura Peres (Frosinone, 1985) presenta dei dittici con la sua immagine fotografata da un passante e con quella di colui che l’ha fotografata, quindi si “sdoppia” e “interscambia” l’io e l’altro, il tutto sempre con forte ironia.

Certi artisti, prima dell’autoscatto, si “travestono” così da assumere quell’identità che desiderano, o sognano, e che dà loro sicurezza con una migliore definizione o, addirittura, trasformandosi in altro da sé. Patrizia Lo Conte (Senigallia, 1954) assume, col travestimento, vari aspetti di donna, quali “Eva”, “La turista”, “La fatale”, qui “La ribelle” eccetera. Anche Silvia De Gennaro (Chianciano Terme, 1961) da un lato acquista varie fisionomie e, dall’altro, diviene personaggio dei Tarocchi per cui, al di là dei valori simbolici di questi, fa emergere dal profondo differenti sue identità. Massimo Rossetti (Roma, 1956) ama prendere l’aspetto di diversi personaggi storici o accostarsi ad essi, ora diviene Einstein ora gioca con Duchamp a scacchi.

Alcuni artisti si “mettono a nudo, anche” (per citare il titolo di una famosa opere del grande dadaista appena nominato) per comunicare i propri convincimenti e il proprio io. Nei loro lavori non c’è mai “scandalo” – il nudo serviva a far crescere le mentalità molti decenni fa, ora non serve più – anzi appaiono pudichi e severi anche se molto espliciti. Infatti Elisa Gestri (Prato, 1975) ci offre una “origine del mondo” attualizzata con una fotografia della sua parte più intima, carica di significati come già aveva affermato Gustave Courbet. La polacca Malgorzata Stanislawa Szymko (1971) redige una sorta di diario, riprendendosi nei luoghi da lei visitati, qui il nudo risponde più ad esigenze formali, cioè al gioco della luce e delle ombre.

“Scandalo” o “denuncia” vogliono esprimere invece altri artisti, e questi trattano situazioni personali (malattie, malesseri) o sociali e politiche. Ilaria Facci (Roma, 1982) da bambina ha avuto il cancro agli occhi e ne ha perduto uno: con la fotografia e l’autoscatto “denuncia” la malattia e la “riscatta”, infatti le sue immagini “caravaggesche” diventano “gli occhi che il cancro ha cercato di portarle via”. Francesca Bonfatti (Roma, 1970) che usa anche lo pseudonimo Gelidelune ha realizzato un lavoro in cui la sua schiena appare con due profonde cicatrici, con queste testimonia la malattia e la guarigione, infatti la cicatrice ricorda il male, la sofferenza ma, al tempo stesso, è testimonianza del suo superamento e quindi è un segno di fiducia e di speranza. Su un altro piano si pongono le radiografie di Francesca Gabrielli (Roma, 1966), queste sono del suo corpo ma poi il titolo imprime alla serie di queste un forte senso di denuncia, infatti si chiama Cernobyl 1986 – Fukushima 2011. Del tutto “politica” è l’immagine di Filippo Riniolo (Desio, 1986), che indossa il passamontagna e realizza il Selfie di un Caracole, cioè rimanda alla località messicana dove è nato il movimento rivoluzionario zapatista.

Benedetta Galli (Perugia, 1976) si serve dell’autoritratto fotografico per realizzare un lavoro in cui emerge una tecnica sperimentale assai interessante: pone sulla superficie numerosissime sue immagini fotografiche e poi sopra ad ognuna pone una goccia di silicone, ottenendo un forte effetto cromatico e compositivo.

Anche alcune artiste che praticano maggiormente la performance e il video, poi realizzano immagini “ferme” con il proprio sé. Tomaso Binga (Salerno, 1931), pseudonimo di Bianca Pucciarelli Menna, uno dei principali protagonisti della poesia sonora e performativa, crea delle immagine piene di ironia e di denuncia politica e sociale, dedicate soprattutto alla questione femminile. Rita Mele (Asmara, 1942) è essenzialmente pittrice. Nei suoi autoritratti mostra solo il viso e li ritocca con una sua tecnica personalissima; l’artista sembra “oltraggiare” sè stessa, con cancellature o titolando un autoritratto Dislessia: tutto ciò indica mancanza di narcisismo e capacità di autosservazione e, forse, di autocritica. Infine, Rita Mandolini (Roma, 1964) da un video presenta immagini di parti del suo corpo realizzando un lavoro simpatico ed efficace, in cui lei cammina, tra ironia e drammaticità, su una massa appiccicosa che le impedisce di alzare normalmente i piedi che restano sporcati e con attaccata la materia melmosa.

 

 

“Il sé allo specchio. Autoritratti fotografici”

IMG_7330

“Cicatrice”, la mia opera autografa, sarà presente insieme agli altri lavori esposti, negli spazi della galleria Studio Arte Fuori Centro a Roma, che inaugura la mostra
“Il sé allo specchio. Autoritratti fotografici”, a cura di Giorgio Bonomi, dal 12 al 29 settembre 2017.

72109A55-D60E-4D38-B240-18C74B2AB794-520-00000037560A54B9.jpegFrancesca Bonfatti_Cicatrice

Note sull’opera

“Cicatrice” é un’opera autografa. Porta una firma indelebile. Quando la pubblicai la prima volta nel mio diario, scrissi come in un’epigrafe: “Io sono l’artista della cicatrice esposta.” Ho pensato di tatuarmela sulla schiena, perché é parte di me più d’ogni altra cosa, più di un braccio o una gamba. Molte persone mi chiedono perché questo angelo abbia perso le ali, abbia subito questa mutilazione. Quando realizzai cicatrice avevo dei limiti fisici e posai di spalle; decisi poi in fase di post produzione di rivelare, attraverso l’esposizione delle mie cicatrici (decontestualizzandole), il segno di un dolore che, ad una seguente lettura, risultava essere mancanza di qualcosa che in realtà non c’era neanche prima… le ali. Questa trasposizione così suggestiva derivata da letture ed interpretazioni arbitrarie ma univoche, ha fatto sì che si rivelasse, ai miei occhi ed alla mia anima, il vero significato di quella trasformazione.

Un’ opera è un processo molto più complesso di ciò che appare, soprattutto quando prende vita propria ed autonoma, trasformandosi in altro…

 

Comunicato Stampa

Spazio aperto 2017

“Il sé allo specchio. Autoritratti fotografici”
a cura di Giorgio Bonomi

Martedì 12 settembre 2017, alle ore 18,00 a Roma, presso lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, si inaugura la mostra “Il sé allo specchio. Autoritratti fotografici” a cura di Giorgio Bonomi
L’esposizione rimarrà aperta fino al 29 settembre, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00.

L’evento è il terzo appuntamento di Spazio Aperto 2017 ciclo di quattro mostre in cui l’associazione culturale Fuori Centro invita gallerie e critici a segnalare artisti appartenenti al proprio circuito di interesse per delineare i percorsi e gli obiettivi che si vanno elaborando nei multiformi ambiti delle esperienze legate alla sperimentazione.

La mostra curata da Giorgio Bonomi prende corpo dalla sua decennale ricerca sugli artisti/fotografi che usano l’autoscatto, sintetizzata nei due volumi Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea, Editore Rubbettino, 2012 e 2017.
In questa mostra, presso lo studio Arte Fuori Centro di Roma, si è riunito un piccolo gruppo di opere di artisti presenti nel secondo volume sopracitato.
Il fondamento dell’autoscatto risiede, solitamente, nel bisogno di identità da parte del soggetto/oggetto dell’operazione: l’autoidentificazione avviene, nell’autoscatto, in vari modi, con il travestimento, con la messa in scena, con la messa a nudo, con la denuncia e la protesta, con la volontà di narrare, con il nascondersi e con il presentarsi solo con una parte – perfino minima – del proprio corpo (del proprio sé).
Caratteristica dell’autoscatto è, inoltre, la solitudine, dato che, se non in casi eccezionali, l’autore si trova da solo davanti alla macchina fotografica.
Ogni artista sceglie la tecnica più appropriata e la collocazione di sé negli spazi per lui più significativi per comunicare il proprio messaggio. Abbiamo lavori eseguiti con tecniche “tradizionali” oppure “sperimentali”, il bianco e il nero e il colore, sempre con una finalità: la volontà di dire di sé.
Tutti i presenti sono “artisti” (non interessano in questa sede i selfie che appartengono più alla sociologia che all’estetica): alcuni di grande fama altri emergenti, alcuni giovani altri meno. Inoltre, questi artisti, nonostante non siano numerosi, danno una sufficiente testimonianza delle varie tipologie dell’autoscatto.

Gli artisti presenti:
Tommaso Binga, Francesca Bonfatti, Silvia De Gennaro, Iginio de Luca, Ilaria Facci, Francesca Gabrielli, Benedetta Galli, Elisa Gestri, Patrizia Lo Conte, Rita Mandolini, Rita Mele, Cinzia Naticchioni Roja, Laura Peres, Filippo Riniolo, Massimo Rossetti, Malgorzata Stanislawa

LINK MOSTRA AUTORITRATTI

STUDIO ARTE FUORI CENTRO:
http://www.artefuoricentro.it/mostre-fuoricentro/il-se-allo-specchio-autoritratti-fotografici.html
MAGAZINEART
http://www.magazineart.net/mostre/il-se-allo-specchio-autoritratti-fotografici.html
ARTRIBUNE:
http://www.artribune.com/mostre-evento-arte/il-se-allo-specchio-autoritratti-fotografici/?utm_source=Newsletter%20Artribune&utm_campaign=4b8bfb7af0-&utm_medium=email&utm_term=0_dc515150dd-4b8bfb7af0-153842705&ct=t%28%29&goal=0_dc515150dd-4b8bfb7af0-153842705
EXIBART:
http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=170635
SACS – SPAZIO ARTE CONTEMPORANEA SPERIMENTALE
http://sacsmostreit.blogspot.it/
oppure http://www.sacsarte.net/SACS-home.html

COMUNICATO STAMPA MOSTRA:
http://www.murmurofart.com/

La mostra è visibile in video all’indirizzo: